Italia

26 febbraio 2007

Mi riallaccio a quanto detto da Marco Montemagno (leggete i commenti… da sbellicarsi) e da Big (che ringrazio per i complimenti 😀 ) perché anche io ho la mia visione su quanto è successo con Italia.it.

Al di la del logo, dei 40 milioni di euro, degli intro interminabili, dell’accessibilità poco accessibile (per chi ne sa qualcosa, accesskey:0, tabindex:4 su una pagina con una trentina di link penso), un minimo di link semplici (per il deep linking si intende)? Vi immaginate un inglese che dice ad un amico di guardare la pagina:
http://www.italia.it/it/guide/5,it,SCH1/objectId,TOU57015Pit,curr,EUR,season,at1,selectedEntry,home/home.html ?
Magari a objectId (per fortuna case insensitive) ci arriva, ma TOU57015Pit (che ha la P prima di it case sensitive) magari no… eppure gli url “friendly” li hanno parzialmente utilizzati, non penso che ridurre quella lista di parametri a qualcosa di più pulito sia così complicato… Soprattutto alla luce del fatto che hanno avuto due anni di tempo e un budget astronomico.

Spero che in quei soldi siano compresi i server e la banda che il sito sta usando per permettere al mondo intero di riderci dietro… Altrimenti altro che problema Gas, quest’anno avremo il problema terabit 😀

Annunci

Don Bosco

12 gennaio 2007

Ecco la mia ultima fatica!
Istituto don Bosco – Padova
speriamo piaccia agli studenti dell’istituto e ai potenziali studenti.
La grafica è stata fatta da Luca Baldi T.I..


Si parte!

4 gennaio 2007

Finalmente parte il nostro network di siti leParole. Per ora i siti che ne fanno parte sono due: PensieriParole (quello che ha iniziato il tutto) e SanteParole con l’oroscopo del giorno, i santi, il meteo, orario di alba e tramonto e la ricerca di Google, la pagina iniziale perfetta (beh, mancano ancora un paio di cose che aggiungeremo 😀 ).
Naturalmente non saranno gli unici siti del network, ne abbiamo alcuni quasi pronti e altri in cantiere; comunque se seguirete questo blog o quello di leParole vedrete quando ne avvieremo altri.
Spero che l’idea piaccia a molti, ma soprattutto i siti che ne faranno parte 😀


Google dipendenti

24 dicembre 2006

Oggi guardando su Google Analytics le statistiche di PensieriParole mi sono accorto che siamo Google dipendenti… I nostri visitatori arrivano per l’80% circa da Google, il 100% delle nostre entrate vengono da Google, le nostre email sono gestite con Gmail for domains, le nostre statistiche…
Naturalmente per raggiungere tutto questo tutti e tre lavoriamo su PensieriParole alcune ore al giorno (a volte anche tutto il giorno filato), ma senza Google forse avremmo raggiunto 1/10 dei nostri obiettivi. Insomma Grazie Google e Buon Natale 😀
(stranamente direte voi non hai il blog su Blogger…)


PR 5!!

2 ottobre 2006

Finalmente! Dopo tante attese! PensieriParole è passato (ancora non dappertutto) a PageRank 5. Per chi non lo sapesse il PageRank è la misura della popolarità di un sito data da Google, e usata internamente per decidere il posizionamento di un sito nei risultati di ricerca.

Ho letto che venerdì era iniziato un aggiornamento di routine dei PageRank visualizzati nella Google Toolbar, ed utilizzando uno strumento di Future PageRank ho visto che siamo passati a 5, inoltre Leggi di Murphy è andato a 4, come pure questo blog :D.


La nostra ultima creazione…

30 settembre 2006

… le giustificazioni degli alunni più divertenti. Vale la pena visitarlo 😀


“The Search” in Italiano

21 agosto 2006

È un po’ che è stato pubblicato negli USA (e anche in molti altri posti nel mondo…), e solo dopo un anno e due edizioni, finalmente arriva in la versione Italiana di “The Search” di John Battelle. Per chi segue il suo blog questo libro non è di certo una sorpresa; per tutti gli altri penso di sì. Il titolo Italiano è “Google e gli altri – Come hanno trasformato la nostra cultura e riscritto le regole del business” e sarà edito da Raffaello Cortina Editore.
La mia domanda per voi tutti è: perché c’è voluto così tanto? Perché un libro che, da come è stato riportato all’autore, viene anche venduto in versione copiata in un aeroporto africano (questo per dare un metro della sua diffusione mondiale) in Italia è arrivato così in ritardo? Ho anche provato a cercare la versione in lingua originale in librerie specializzate in testi stranieri (La Feltrinelli International di Padova), ma senza successo. C’è scritto qualcosa di scomodo per noi? O semplicemente siamo troppo indietro nell’informatica? Eppure la Mondadori ha pubblicato più o meno tutti i libri di Joel Spolsky, che hanno sicuramente un pubblico molto ma molto più ristretto. Boh.
A parte tutto questo, ringrazio la futura casa editrice per averlo tradotto e pubblicato, e attendo con impazienza il momento in cui potrò cominciare a leggerlo.